Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio di Siena e Grosseto
Parliamo di...
Casa Saracini (Siena)

Casa Saracini (Siena)

L'edificio presenta in facciata un portale con grosse bozze in arenaria con lavorazione a scalpello e, nella chiave di volta, lo stemma della famiglia Saracini datato, secondo il Pecci, 1630. Nelle murature del primo e secondo piano sono inoltre visibili tracce di archi a sesto acuto affiorate sotto gli intonaci mancanti. All'intrno particolare pregio ha l'atrio con volte a vela su peducci in arenaria tipicamente rinascimentali, e nei piani superiori si trovano soffitti lignei con travi mensolate.





avvertenza tutte gli elementi in home page vengono caricati casualmente dall'archivio.
ad ogni nuovo caricamento di questa pagina verrŗ mostrato un nuovo set di elementi.
Casa in via Camollia 49 (Siena) Casa in via Camollia 49 (Siena) L'edificio presenta un impianto originario ascrivibile alla fine del XIII-inizio del XIV secolo. La facciata, prevalentemente realizzata in laterizio, vede la presenza di alcuni conci in pietra e di archi acuti tamponati. Uno di essi risulta sovrastato da uno stemma gentilizio con al centro una catena intrecciata e poco pi√Ļ in l√† si pu√≤ notare un monogramma di Cristo. L'ultimo piano √® proba...




Fonte di Fontanella (Siena) Fonte di Fontanella (Siena) Questa fonte si trova lungo via di Fontanella, stradina incassata tra gli orti, sotto le absidi della chiesa di S. Agostino. E' una delle fonti meno note, caratterizzata da una ripida scalinata che porta alla fonte incassata nel terreno. Le prime notizie riguardanti una "fontanella" risalgono al 1263, ma essa fu probabilmente costruita cinque anni dopo sotto la direzione di "Maffeo di Gregorio e ...(continua)




Piazza del Campo (Siena) Piazza del Campo (Siena) A Siena, se Castelvecchio fu il primo insediamento, fin dal Medioevo il vero centro della città fu la Piazza del Campo. Il Campo, nato per arginare e bonificare il terreno che in quel punto declinava verso Val di Montone e raccoglieva tutte le acque che defluivano dalle strette vie della città, era un tempo adibito ad orti ed a mercato. Solo nella seconda metà del XII secolo si accenna per la...(continua)




Palazzo Pecci (Siena) Palazzo Pecci (Siena) La famiglia Pecci, una delle pi√Ļ antiche di Siena, aveva la sua residenza in antico in questo e nell'attiguo Palazzo del Capitano. Sulla facciata si possono notare alcuni stemmi tra i quali quello della famiglia stessa e l'Arma del Popolo di Siena. Nel XIX secolo la famiglia Grottanelli acquist√≤ l'edificio vicino alle propriet√† del S. Maria della Scala e lo rielabor√≤ completamente in forme...(continua)




Palazzo Camaiori Barzellotti (Siena) Palazzo Camaiori Barzellotti (Siena) Il palazzo, il cui prospetto su via Camollia è ascrivibile al XVI sec., fu antico possesso della famiglia Casolani, estintasi nel 1690. Esso passò poi in eredità alla famiglia Cosatti e nel 1726 fu acquistato da Giovanni Paolo Camaiori. Questa famiglia si estinse a sua volta nel 1939. All'interno del palazzo è presente una sala della musica nella quale hanno suonato personaggi illustri e ne...(continua)




Palazzo Ottieri della Ciaja (Siena) Palazzo Ottieri della Ciaja (Siena) Il palazzo, di gusto neo-cinquecentesco, è uno dei rari esempi di architettura settecentesca a Siena. Esso fu progettato dall'architetto Francesco Bandini, canonico, nel 1715 ed è ispirato ad opere cinquecentesce di Bartolomeo Neroni detto Il Riccio. La facciata intonacata si articola su tre livelli delimitati da cornici marcapiano ed ha l'asse di simmetria rafforzato dal portale in travertin...(continua)




  Crediti | Privacy Policy | ©2006 SBAP - Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio (Siena e Grosseto)